LE TENUTE E I VITIGNI

 I NOSTRI
VIGNETI

La superficie vitata dell’azienda è formata da tre tenute situate nel cuore della DOC Cirò: Mancuso, Feudo e Difesa Piana, per un’estensione complessiva di circa 100 ettari. Il sistema di allevamento adottato è prevalentemente il cordone speronato orizzontale, una piccola parte ad alberello alto.

Al fine di ottenere una maggiore qualità delle uve, il sesto d’impianto presenta una densità di 5.600 piante per ettaro (mt 2,20 x 0,80) e le rese variano tra i 50 e gli 80 quintali ad ettaro, con una produzione per vite di 1-1,5 kg. Le più importanti operazioni in vigna sono svolte rigorosamente a mano. Le lavorazioni del terreno ridotte, per preservare fertilità e biodiversità del suolo. I vitigni coltivati sono solo autoctoni, vero patrimonio di Calabria: Gaglioppo, Greco Bianco, Calabrese, Pecorello ed altri ancora…

La superficie vitata dell’azienda è formata da tre tenute situate nel cuore della DOC Cirò: Mancuso, Feudo e Difesa Piana, per un’estensione complessiva di circa 100 ettari. Il sistema di allevamento adottato è prevalentemente il cordone speronato orizzontale, una piccola parte ad alberello alto.

Al fine di ottenere una maggiore qualità delle uve, il sesto d’impianto presenta una densità di 5.600 piante per ettaro (mt 2,20 x 0,80) e le rese variano tra i 50 e gli 80 quintali ad ettaro, con una produzione per vite di 1-1,5 kg. Le più importanti operazioni in vigna sono svolte rigorosamente a mano. Le lavorazioni del terreno ridotte, per preservare fertilità e biodiversità del suolo. I vitigni coltivati sono solo autoctoni, vero patrimonio di Calabria: Gaglioppo, Greco Bianco, Calabrese, Pecorello ed altri ancora…

TENUTA MANCUSO

Comune:  Cirò.
Vitigni:  Gaglioppo e Calabrese.
Superficie vitata:  60 Ha.
Altitudine:  200-250 mt s.l.m.
Anno d’impianto:  1972 vigne vecchie, 2005 vigne nuove.
Metodo di coltivazione:  integrato.
Sistema di allevamento:  alberello alto (vigne vecchie); cordone speronato orizzontale (vigne nuove).
Tipo di potatura:  3 speroni di due gemme.
Densità di ceppi Ha:  mediamente 5.600.
Terreno:  sabbioso su matrice calcarea.
Esposizione dei vigneti:  da Sud a Nord-Est.
Epoca di Vendemmia:  prima decade di Ottobre.
Resa Q.li di uva per Ha:  70 Q.li vigne nuove; 40 Q.li vigne vecchie.

TENUTA FEUDO

Comune:  Cirò marina.
Vitigni:   Gaglioppo, Greco Bianco e altre varietà rosse autoctone.
Superficie vitata:   19 Ha.
Altitudine:   10 mt slm.
Anno d’impianto:   Greco Bianco 1997, varietà rosse in corso di impianto.
Metodo di coltivazione:   integrato.
Sistema di allevamento:   Cordone speronato orizzontale.
Tipo di potatura:  3 speroni di due gemme.
Densità di ceppi Ha:  5.600.
Terreno:   profondo, alluvionale, di medio impasto; ghiaioso ricco di scheletro Greco Bianco.
Esposizione dei vigneti:  pianura.
Epoca di Vendemmia:  fine settembre il Greco Bianco, dalla seconda metò di ottobre il Gaglioppo.
Resa Q.li di uva per Ha:  70 Q.li.

TENUTA DIFESA PIANA

Comune:  Cirò marina.

Vitigni:   Greco Bianco e Pecorello.

Superficie vitata:   11 Ha.

Altitudine:   5/10 mt slm.

Anno d’impianto:   2005.

Metodo di coltivazione:   integrato.

Sistema di allevamento:   Cordone speronato orizzontale.

Tipo di potatura:  3 speroni di due gemme.

Densità di ceppi Ha:  5.600.

Terreno:   sabbioso-limoso.

Esposizione dei vigneti:  pianura.

Epoca di Vendemmia:  ultima settimana di settembre prima di ottobre.

Resa Q.li di uva per Ha:  80 Q.li.

TENUTA MANCUSO

Comune:  Cirò.
Vitigni:  Gaglioppo e Calabrese.
Superficie vitata:  60 Ha.
Altitudine:  200-250 mt s.l.m.
Anno d’impianto:  1972 vigne vecchie, 2005 vigne nuove.
Metodo di coltivazione:  integrato.
Sistema di allevamento:  alberello alto (vigne vecchie); cordone speronato orizzontale (vigne nuove).
Tipo di potatura:  3 speroni di due gemme.
Densità di ceppi Ha:  mediamente 5.600.
Terreno:  sabbioso su matrice calcarea.
Esposizione dei vigneti:  da Sud a Nord-Est.
Epoca di Vendemmia:  prima decade di Ottobre.
Resa Q.li di uva per Ha:  70 Q.li vigne nuove; 40 Q.li vigne vecchie.

TENUTA FEUDO

Comune:  Cirò marina.
Vitigni:   Gaglioppo, Greco Bianco e altre varietà rosse autoctone.
Superficie vitata:   19 Ha.
Altitudine:   10 mt slm.
Anno d’impianto:   Greco Bianco 1997, varietà rosse in corso di impianto.
Metodo di coltivazione:   integrato.
Sistema di allevamento:   Cordone speronato orizzontale.
Tipo di potatura:  3 speroni di due gemme.
Densità di ceppi Ha:  5.600.
Terreno:   profondo, alluvionale, di medio impasto; ghiaioso ricco di scheletro Greco Bianco.
Esposizione dei vigneti:  pianura.
Epoca di Vendemmia:  fine settembre il Greco Bianco, dalla seconda metò di ottobre il Gaglioppo.
Resa Q.li di uva per Ha:  70 Q.li.

TENUTA DIFESA PIANA

Comune:  Cirò marina.

Vitigni:   Greco Bianco e Pecorello.

Superficie vitata:   11 Ha.

Altitudine:   5/10 mt slm.

Anno d’impianto:   2005.

Metodo di coltivazione:   integrato.

Sistema di allevamento:   Cordone speronato orizzontale.

Tipo di potatura:  3 speroni di due gemme.

Densità di ceppi Ha:  5.600.

Terreno:   sabbioso-limoso.

Esposizione dei vigneti:  pianura.

Epoca di Vendemmia:  ultima settimana di settembre prima di ottobre.

Resa Q.li di uva per Ha:  80 Q.li.

I NOSTRI VITIGNI

“Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

IL GAGLIOPPO

Vitigno a bacca nera di probabile origine greca e diffusosi prevalentemente nelle province calabresi di Cosenza, Catanzaro e Crotone. Ha foglia media, pentagonale, a volte cordiforme o cuneiforme; grappolo medio-grosso, piramidale o conico, semplice o con una-due ali, compatto, acino medio di colore nero-rossastro.
Ha produzione buona e costante, predilige forme di allevamento poco espanse e potatura corta. I vini in purezza sono di colore rubino più o meno intensi, abbastanza tannici, austeri. Con l’invecchiamento si ottengono vini di grande finezza ed eleganza.

IL CALABRESE

Vitigno a bacca nera, il Calabrese è diffuso nella parte meridionale della Calabria. Ha foglia grande, da cuneiforme ad orbicolare. Grappolo di medie dimensioni, lungo e spargolo, acino di colore nero. Viene di solito coltivato ad alberello o a spalliera, raggiunge un’alta gradazione zuccherina.
Vinificato in purezza, produce un vino di buona struttura dal caratteristico colore rosso ciliegia, asciutto, alcolico, giustamente acido. Buona e complessa la componente aromatica. I vini in purezza presentano aromi fini ed una buona tannicità

IL GRECO BIANCO

Vitigno a bacca bianca, di cui non si conosce l’origine con certezza, diffuso prevalentemente sulla costa jonica calabrese. Ha foglia medio-piccola, pentagonale e quinquelobata; grappolo grande e allungato, piramidale, alato e piuttosto compatto; acino medio, con buccia molto pruinosa di colore verde-giallastro che tende all’ambrato se esposta a lungo al sole.
Epoca di vendemmia: da metà Settembre in poi. Il vino prodotto presenta un colore giallo paglierino carico e brillante, ha buona alcolicità e acidità, il sapore è fresco, abbastanza fruttato e lievemente tannico.

IL PECORELLO

Vitigno a bacca bianca, tipico della parte centro-orientale della Calabria. La foglia è di medie dimensioni, pentagonale, il grappolo di dimensioni medio-grandi di forma conica allungata, l’acino medio-piccolo con buccia molto spessa.
Epoca di vendemmia: entro la prima metà di settembre. I vini presentano una buona gradazione alcolica ed una buona acidità, una carica aromatica media, in bocca sono freschi, piacevolmente fruttati.

IL GAGLIOPPO

Vitigno a bacca nera di probabile origine greca e diffusosi prevalentemente nelle province calabresi di Cosenza, Catanzaro e Crotone. Ha foglia media, pentagonale, a volte cordiforme o cuneiforme; grappolo medio-grosso, piramidale o conico, semplice o con una-due ali, compatto, acino medio di colore nero-rossastro.
Ha produzione buona e costante, predilige forme di allevamento poco espanse e potatura corta. I vini in purezza sono di colore rubino più o meno intensi, abbastanza tannici, austeri. Con l’invecchiamento si ottengono vini di grande finezza ed eleganza.

IL CALABRESE

Vitigno a bacca nera, il Calabrese è diffuso nella parte meridionale della Calabria. Ha foglia grande, da cuneiforme ad orbicolare. Grappolo di medie dimensioni, lungo e spargolo, acino di colore nero. Viene di solito coltivato ad alberello o a spalliera, raggiunge un’alta gradazione zuccherina.
Vinificato in purezza, produce un vino di buona struttura dal caratteristico colore rosso ciliegia, asciutto, alcolico, giustamente acido. Buona e complessa la componente aromatica. I vini in purezza presentano aromi fini ed una buona tannicità

IL GRECO BIANCO

Vitigno a bacca bianca, di cui non si conosce l’origine con certezza, diffuso prevalentemente sulla costa jonica calabrese. Ha foglia medio-piccola, pentagonale e quinquelobata; grappolo grande e allungato, piramidale, alato e piuttosto compatto; acino medio, con buccia molto pruinosa di colore verde-giallastro che tende all’ambrato se esposta a lungo al sole.
Epoca di vendemmia: da metà Settembre in poi. Il vino prodotto presenta un colore giallo paglierino carico e brillante, ha buona alcolicità e acidità, il sapore è fresco, abbastanza fruttato e lievemente tannico.

IL PECORELLO

Vitigno a bacca bianca, tipico della parte centro-orientale della Calabria. La foglia è di medie dimensioni, pentagonale, il grappolo di dimensioni medio-grandi di forma conica allungata, l’acino medio-piccolo con buccia molto spessa.
Epoca di vendemmia: entro la prima metà di settembre. I vini presentano una buona gradazione alcolica ed una buona acidità, una carica aromatica media, in bocca sono freschi, piacevolmente fruttati.